Nuovi arrivi

E’ arrivato Scuccimarra giusto in tempo per fotografare le facciate ultimate.

Lo Scucci atterrato in HK si è imbarcato sull’autobus 71 verso Aberdeen. Non sapendo a quale fermata scendere ha chiesto informazioni.

Un vecchietto l’ha interrogato a lungo sul motivo della sua presenza in Hong Kong e alla notizia della sua ricerca di amici pittori l’ha prontamente indirizzato al palazzo. Gli ha pure detto li conosco sono anche miei amici. Chissà chi era?? In ogni caso la notizia si sta spargendo nella città: esiste un palazzo a fumetti!!

Siamo molto contenti del risultato e vi salutiamo

noios

Annunci

“Dimmi come conti e ti dirò da dove vieni”

Come conti sulle dita da uno a dieci? Con una o due mani?

Qui usano una mano sola…ecco come:

Nomi cinesi

Eccoci qua: Mario (o Marùo), Lobeto e Izaah!

In queste settimane ci siamo resi conto come la lingua cinese sia veramente complessa.

Ai nostri orecchi sembra che non esistano consonanti e che ci sia una lunga sequenza di vocali con accenti lunghi e corti. Il risultato è una cantilena molto musicale.

Se i suoni ci fanno sentire come degli alieni sbarcati su Marte le scritte ancora di più!

La calligrafia ha un fascino grandissimo, incroci di segni dipinti da pennellate sicure e controllate.

Ma la cosa straordinaria è che quando si chiede ad un cinese di scrivere una parola rimane pensieroso e lentamente inizia a comporre una sequenza di segni come se creasse in quel momento la parola stessa.

Shirley ci ha spiegato come i segni che compongono un gruppo sillabico, oltre a corrispondere ad un suono, possiedono vari significati.

Traducendo i nostri nomi li ha così descritti:

Nella parola Mauro le lettere hanno i seguenti significati: cavallo, re, studioso…

in Roberto: tante bocche, cento ananas e schizzo

in Isabella: donna gentile, lillà, conchiglie e il verbo tirare.

Traducendo il tutto Mauro è il re dei cavalli, cioè un musso, Roberto con tante bocche mangia cento ananas e la Isa, che è tanto gentile, tira le conchiglie sui lillà. 

noios

Turno notturno…notturno più!

Notizie dal fronte!

La graziosa carrozzeria posta sotto al nostro palazzo ha tre caratteristiche:

La prima: si occupa esclusivamente di automobili di lusso, tra le quali Ferrari, Bugatti, Rolls Royce… ecc.. ;

La seconda: è gestita da un longilineo proprietario che continua a chiederci se siamo di Modena;

La terza: è sempre aperta tranne la Domenica sera; visto che non ci davano il permesso di lavorare davanti al loro ingresso durante l’orario di apertura, cioè sempre, abbiamo dovuto iniziare e finire i lavori della facciata est durante la notte del giorno che il Signore ha dedicato al riposo… amen! Eccovi documentato il sublime evento.

Tante care cose, poche cose care! (Ripeti veloce)

Noios!

diamo i numeri!

Hello!

Si è chiusa un’altra settimana di lavoro in Aberdeen! 

Questo è il nome del quartiere dove si trova il cantiere in cui lavoriamo; è una zona industriale vicino al mare in fase di riqualificazione. Accanto al palazzo scorre un canale popolato da Aironi bianchi e cinerini…anche se dire che l’acqua scorre non è proprio coretto visto che il livello passa da un metro d’acqua a un fondale totalmente secco! In questi giorni abbiamo concluso proprio la parte della facciata che da sul corso d’acqua e dai nostri trespoli abbiamo potuto osservare la caccia al pesce degli aironi.  Mentre noi facciamo del sano bird-watching gli abitanti del quartiere fanno italian watching, incuriositi dalle nostre divise, dalle pitture che compaiono sui muri e dalle canzoni di Domenico Modugno che cantiamo tutto il tempo!

Si avvicinano turisti cinesi che vanno a mangiare alla “Pantegana Fumante” (il ristorante lì vicino), abitanti della zona, e occidentali che lavorano nel quartiere. C’è chi scatta foto, chi chiede informazioni, e chi ci dice con entusiasmo che il nostro lavoro abbellisce la zona. Tra le tante persone abbiamo conosciuto anche un’artista che vive nel vicino palazzo e che ci ha invitato a visitare il suo atelier. 

Questa settimana c’è stato un rallentamento dei lavori perchè gli operai erano tutti impegnati a lavorare in due appartamenti da concludere e da far vedere al grande capo, e quindi non ci hanno preparato i nuovi muri su cui dipingere. La cosa a creato un pò di tensione ma alla fine ieri la situazione si è sbloccata e con la settimana prossima riusciremo a lavorare secondo la nostra scaletta. Con le pause di lavoro che ci sono state abbiamo potuto conoscere meglio i personaggi che si aggirano nel cantiere e ad imparare qualche parola di cinese. La portinaia ci ha insegnato a dire i numeri. Per cui questa volta trovate “IE-CAU” (29) foto. Ciao da nosotros

Si-Fu!

Il “Si-Fu” (per la scrittura corretta abbiamo bisogno di ulteriori lezioni dalla nostra interprete cinese)

qui è il “Maestro”. Rivolgersi ad un artigiano appellandolo in questo modo è un riconoscimento molto apprezzato. Il nostro “Si- Fu” locale è un pittore imbianchino che lavora nell’impresa di ristrutturazione del palazzo e che ogni tanto ci affianca nella nostra impresa pittorica. E’ un signore dallo sguardo pungente che dopo un primo momento di diffidenza ha iniziato a portarci merende pomeridiane con grandi sorrisi. Ci ha inoltre confessato di divertirsi molto! Ormai nel palazzo iniziamo a conoscere le varie maestranze e a prendere nuove abitudini! Ci riconoscono, ed è inevitabile vista la nostra divisa di lavoro e dato che siamo gli unici occidentali a girare nel cantiere, e ci salutano calorosamente.

In particolare c’è una signora che fa da portinaia che parla esclusivamente in cinese e che a gesti, quotidianamente, ci chiede se abbiamo mangiato o forse come va il mercato azionario: chissà! Mangiare e rispettare le pause di lavoro, pranzo e pausa the alle 16.00, per i locali è sacrosanto. Per questo quando non ci fermiamo per pranzare si preoccupano tutti! Ma in certi giorni proprio non riusciamo ad evitare la pausa in uno dei ristoranti vicini dove a turno la nostra Shirley, interprete, o il titolare dell’impresa Raymond ci fanno assaggiare i loro migliori piatti cinesi. Risultato appagante per il palato …ma disastroso per la ripresa pomeridiana dei lavori. (le portate dei pranzi cinesi variano di numero dalle 14 alle 21!!!)

bye bye

Nosotros

La cucaracha

Ciao a tutti di nuovo.

Intanto non dimenticate chi c’è dietro a questo blog: fondamentalmente degli imbranatici mediatici.

Quindi solo oggi vediamo i commenti alle foto. Grazie a tutti.

Il lavoro qui prosegue bene. Le giornate sono moooolto piene e la sera facciamo veramente fatica a trovare il tempo di postare le foto. Aspettatevi una nuova infornata in settimana con delle belle sorprese.

Abbiamo anche dei video.

Il titolo del post fa riferimento al tipico scarrafone hongkonghese che si incontra spesso per strada e nei locali meno alla moda. E’  grosso, rosso e veloce.

A bien tot

Noios

Mauro, Isa e Robix

  • Calendario

    • dicembre: 2018
      L M M G V S D
      « Dic    
       12
      3456789
      10111213141516
      17181920212223
      24252627282930
      31  
  • Cerca